Get Adobe Flash player

postheadericon Valle Vigezzo

 

Domodossola si segue la strada che porta ai paesi di Trontano e Masera, per poi arrivare ad una deviazione da dove parte, attraverso ripide e scoscese montagne, una strada in salita che porta ad uno splendido altipiano: la Valle Vigezzo.
Questa valle, composta da sette comuni, si presenta in modo molto particolare; a differenza delle altre vallate, Vigezzo è l’unica ad avere un inizio ed uno sbocco praticabile su strada in un altro territorio. Raggiungendo, infatti, l’altipiano vigezzino, la valle sale sino a quota 800 m. a Santa Maria Maggiore, per poi scendere nuovamente raggiungendo i 200 m. di altitudine sul Lago Maggiore.
Il primo comune che si incontra è Druogno, famoso per il pane nero ossolano prodotto nella frazione Coimo; oltrepassati le frazioni Gagnone e Orcesco, il panorama cambia radicalmente aprendosi in un verde pianoro circondato da solari paesini sulle montagne circostanti.
Santa Maria Maggiore è sempre stato il “capoluogo” di valle, sede dell’amministrazione civile e religiosa; in Piazza Risorgimento è visitabile l’antico Palazzo Mandamentale riccamente decorato da splendidi affreschi, la Chiesa Parrocchiale dedicata alla Vergine Maria, e due musei etnografici rappresentanti due antichi e importanti mestieri che venivano praticati in valle: il Museo dello Spazzacamino e la Pinacoteca della Scuola di Belle Arti Rossetti-Valentini.

Il Museo dello Spazzacamino, ospitato all’interno di un’antica villa e recentemente restaurato con un’area interattiva, raccoglie una ricca collezione di attrezzi e oggetti che, nei tempi passati, venivano utilizzati dai piccoli spazzacamini, bambini dai 5 agli 8 anni di età che venivano consegnati ai signori delle città durante l’inverno per la pulizia delle canne fumarie dei loro enormi palazzi. La storia degli spazzacamini è molto triste, ma molti di loro sono riusciti a trovare fortuna all’estero valorizzando il mestiere stesso e rendendo celebre il nome della Valle Vigezzo. Ogni prima settimana di settembre, nel paese viene organizzato il Raduno Internazionale degli Spazzacamini, dove sfilano e si esibiscono numerose delegazioni e associazioni provenienti da tutta Europa. La Valle Vigezzo è definita anche “Valle dei Pittori”, e ne è grande testimonianza la Scuola di Belle Arti Rossetti Valentini. L’antica scuola artistica, che ancora oggi ospita corsi di pittura e disegno per grandi e piccini, raccoglie al suo interno una collezione di opere appartenenti ai grandi artisti di valle, come Carlo Fornara, Cavalli, Giorgis, Rossetti Valentini, ecc., che, dopo aver appreso il mestiere di pittore, hanno cercato lavoro e carriera all’estero. Per meglio capire l’importanza di questo lavoro, basta osservare le antiche ville e palazzi passeggiando nel “pittoresco” centro storico.
Percorrendo la strada principale, si giunge ora ad un altro comune molto importante, Malesco. Da un punto di vista turistico, per i giovani Malesco offre diversi locali di svago e di divertimento, ma la sua funzione più importante è quella di essere una delle porte principali d’accesso al Parco Nazionale della Val Grande. Quest’ultimo è stato nominato parco nazionale perché è l’area “wilderness” (selvaggia allo stato naturale) più vasta d’Italia. Al suo interno opera il Corpo della Guardia Forestale dello Stato ed è presente un’area di riserva integrale in cui è addirittura vietato ad elicotteri e/o aerei panoramici di sorvolare. Per le escursioni è consigliabile un’ottima attrezzatura ed essere accompagnati da guide esperte. Da Malesco si diramano due strade che entrambe portano al Lago Maggiore: quella di destra attraversa una vallata stretta denominata Valle Cannobina, mentre quella di sinistra percorre l’ultimo tratto di valle italiana per poi scendere a Locarno attraverso le Centovalli (Ticino).

Re è l’ultimo comune che viene attraversato prima della frontiera svizzera, e per il suo importante valore religioso è meta di numerosi pellegrini. Di primo impatto, infatti, ciò che si nota in questo piccolo paesino a ridosso della montagna, è un enorme Santuario con grosse cupole di gusto bizantino. L’edificio religioso è dedicato alla Madonna del Sangue ed ingloba al suo interno la chiesetta in cui è riposto il mistico affresco della Madonna del Latte, che nel lontano 1494 sanguinò sangue dopo che un delinquente gli scagliò un sasso colpendo la figura proprio sulla fronte. All’interno della valle altre numerose strade portano ancora ai comuni di Craveggia, Toceno e Villette, tutti da scoprire assieme alle loro piccole frazioni che conservano intatta l’atmosfera della passata vita rurale.
CURIOSITA’: Da Domodossola parte un piccolo trenino elettrico a scartamento ridotto che attraversa per interno la Valle Vigezzo, le Centovalli per arrivare a Locarno. La “vigezzina”, così comunemente chiamata, grazie alla sua peculiarità non è solo utilizzata come trasporto pubblico, ma viene praticata anche da numerosissimi turisti, tanto che negli ultimi anni viene considerato un vero e proprio trenino turistico panoramico.

 

 

 

THE VIGEZZO VALLEY

Travelling along the road  from Domodossola towards the villages of Trontano and Masera, you come to a turn-off which takes you up a rather steep narrow, winding road, through rocky mountains and thick chestnut woods then at the top it opens out onto a  magnificent plain. The Vigezzo ValleyThis valley is quite original compared to others in that the road continues down the other side of the valley as far as Switzerland. In fact, once you reach the Vigezzo plain, the road  continues uphill as far as Santa Maria Maggiore to a height of 800m above sea level, to then descend gradually until it reaches Lake Maggiore at 200m above sea level.There are seven main villages in the Vigezzo valley and the first one you come to is Druogno. Druogno is famous for its “pane nero ossolano” , a typical brown bread, made in an area of Druogno called Coimo.

The landscape changes totally after passing through the little hamlets of Gagnone and Orcesco, it opens out into a wide meadow with little clusters of houses nestled into the surrounding mountains.Santa Maria Maggiore has always been considered the most important civic, administrative and religious centre in the valley. In the square “Piazza Risorgimento”, in fact, there are four places of interest: The old Town Hall, richly decorated with frescos,  the parish church dedicated to the Virgin Mary and two ethnographical museums showing exhibits of two important professions carried out in the area, the “Chimney Sweep Museum” and the “Rossetti – Valentini Fine Arts School”.The Chimney Sweep Museum is on display in a recently renovated  villa and has a marvellous collection of tools and equipment the little chimney sweeps used in days gone by. The chimney sweeps were usually children from the ages of 5 to 8 years old. In winter they were handed over to wealthy families in the nearby cities to clean all the chimneys in their enormous palaces and mansions. The chimney sweeps’ tale is rather sad. However, many of them made their fortune abroad by managing to give  this profession its correct value and at the same time they gave the Vigezzo Valley a good name.Every year during the first week in September “The Chimney Sweep International Gathering” is organised in the Vigezzo Valley and many delegations and associations from all over Europe take part in its  parade.The Vigezzo valley is also called “The Valley of Artists” and in fact this can be seen in the “Rossetti Valentini Fine Arts School”. This ancient school, which is still used today for art lessons, displays a collection of works of art carried out by the greatest artists in the valley. (Carlo Fornara, Cavalli, Giorgis and Rossetti Valentini are only some of them).

After having completed their training, they moved abroad to look for work and make their fortune. Strolling through the picturesque historical centre of Santa Maria Maggiore, its easy to see the touch of these artists when you observe the ancient villas and palaces.Setting off again northwards along the main road, you reach another important village, Malesco. As far as tourism is concerned, Malesco is perhaps the most exciting for the young folk as it offers entertainment and a lively nightlife. Moreover, it is also one of the main gateways into the  “Val Grande National Park”. This Park became a National Park owing to its boundless, unspoilt, wild  territory, the most extensive in Italy. The Forestry Commission works in, and takes care of this magnificent park where there is also an unspoilt natural reserve. Even helicopters and planes are not allowed to fly over this particular area.It’s advisable to have excellent equipment and an expert guide for excursions into this wild valley.Two roads fork off from Malesco, both of which take you to Lake Maggiore. The right hand fork meanders through a narrow valley, the Cannobina Valley, whereas the left one continues downhill along a narrow winding road through the Centovalli, literally “The Hundred Valleys” as far as Locarno in Switzerland.Re, the last village you come to before crossing the Swiss border, sits huddled against the mountain and attracts believers and pilgrims from all over the world. When you arrive at Re you are immediately struck by the magnificent cathedral which appears in front of you with its glorious Byzantine style domes. This cathedral is dedicated to the “Madonna del Sangue”. Story has it that in 1494 a villain threw a stone at the fresco depicting the “Madonna del Latte” hitting the figure on its  forehead. The fresco to started to bleed.  This mystic fresco is kept in a chapel within the Cathedral.There are many other roads in the valley which take you to delightful little hamlets, nestled against the mountains such as Craveggia, Toceno and Villette, where you are aware of  an atmosphere of a typical past country life. 

OUT OF CURIOSITY There’s a small, narrow - gauge electric train, locally called the“Vigezzina”, which sets off from Domodossola and travels right through the Vigezzo Valley (Centovalli) as far as Locarno. Not only is this train used for public transport but it is also becoming more and more popular with tourists because of the slow, panoramic route it follows.  

GUARDA IL METEO
Domodossola
Gio

21°C
Ven

19°C
Sab

20°C
VIAGGIA in BUS in VALDOSSOLA
Banner
Gli Amici di Simplon Dorf
Banner